Parchi e giardini

Il Parco Exflora

Avenue de Cannes – Antibes-les-Pins
Dal 1° giugno al 31 agosto dalle 9:30 alle 21:30
Dal 1° giugno al 30 settembre dalle 9:30 alle 19:00
Dal 1° ottobre al 28 febbraio dalle 9:30 alle 17:00

Dal 1° marzo al 31 maggio dalle 9:30 alle 19:00
Cani non ammessi. Ingresso libero e gratuito.

Il parco Exflora è il più recente fra i giardini di Antibes. 5 ettari di terreno che ospitano un ampio uliveto e diverse specie di piante mediterranee. Giochi d'acqua, laghetti e fontane costituiscono un "percorso d'acqua" di 500 metri. Il viale che conduce al mare ospita una coltivazione di rose, esempi della celebre rosa coltivata ad Antibes. Completano il parco un giardino esotico di palme, dei giardini all'italiana, un labirinto di piccoli arbusti e un giardino in stile islamico.

Il Giardino Thuret

90 Chemin Raymond – Cap d’Antibes
Giardino aperto dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 17:30 in periodo invernale e dalle 8 alle 18 in periodo estivo.

Ingresso gratuito.
Tariffa gruppi: 3 € a persona (8 persone minimum), 2€ con una guida. Solo su prenotazione.

Prenotazione al : +33 (0)4.97.21.25.00 / thuret@paca.inra.fr

 

E' nel 1857 che Gustave Thuret, botanico francese, scopre il Cap d'Antibes, una penisola allo stato selvaggio, e vi costruisce una villa ed un magnifico « giardino dei test ». La proprietà, donata allo Stato dai suoi eredi, è oggi gestita dall'INRA. La sua superba collezione di alberi ed arbusti subtropicali e mediterranei ed il suo eccezionale potenziale vegetale sono impiegati in modo particolare nella didattica e per la diversificazione delle coltivazioni ornamentali sul litorale mediterraneo e sono valsi a questo giardino il riconoscimento di « Jardin remarquable ».

I giardini della Villa Eilenroc

Chemin Mrs Beaumont – Cap d’Antibes.

Chiuso per lavori in 2017

Aperto ogni mercoledì dalle 14 alle 17
Il primo e il terzo sabato del mese dalle 14 alle 17

Tariffa : 2 euro (gratuito per i minori di 12 anni)
Cani non ammessi. Possibilità di chiusura senza preavviso.

L’uliveto :
50 alberi di ulivo per i bambini del 2000. E' con questa operazione che è cominciata la ricostruzione dell'uliveto della Villa Eilenroc. Questi ulivi, ponte simbolico tra il passato e il futuro, sono stati piantati in onore dei bambini nati quell'anno. Da allora è già stato prodotto e imbottigliato il primo olio.
Il roseto :
Originariamente un orto ed un giardino di fiori e piante aromatiche, dalla superficie di circa 1650 m², permettevano alla padrona di casa che se ne occupava, di riempire la casa di colori e profumi.
E' nel tentativo di far rivivere le tradizioni e il savoir-faire che ha fatto di Antibes la capitale della rosa per diversi anni, che la città ha voluto trasformare questo giardino in roseto.
 

Il Parco del Vaugrenier

Uscita Antibes, direzione Villeneuve-Loubet – RN7

Parco composto da 100 ettari di boschi e prati che ospita numerose specie animali e vegetali mediterranee. Lo stagno di acqua dolce, con il suo eccezionale "biotopo", è una delle aree naturali più rare del dipartimento ed accoglie un osservatorio ornitologico. Il sito ha conservato i resti di un antico tempio romano che risale al VII secolo a.C. Ideale per partire in famiglia alla scoperta della natura attraverso i 6 km di sentiero. I prati costituiscono una zona di relax ed il parco offre panchine e tavoli disposti principalmente in prossimità delle zone di parcheggio. Nei paraggi dell'ingresso principale è allestita un'area giochi per bambini. Itinerari, sentieri e percorsi nella foresta offrono diverse possibilità di esplorazione. Un percorso ginnico di 1 km e mezzo, costituito da una ventina di tappe, consente di realizzare degli esercizi fisici.

I Parchi della Valmasque e della Brague

Sophia-Antipolis, Mougins, Valbonne.

Nelle vicinanze di Sophia Antipolis, in una zona naturale protetta, i parchi della Valmasque e della Brague (561 ettari a cavallo fra i due comuni di Valbonne e Mougins) si dividono in quattro settori : le Clausonnes (a nord-est), il Fugueiret (a sud-est), Fontmerle (ad ovest) e il Carton (a nord-ovest).

Composto da tre boscose colline e da valli dalle forme sinuose che si estendono tra i piccoli affluenti della Brague, della Valmasque e della Bouillide, questo parco, ideale per i bambini, vi dà il benvenuto con tutta la famiglia per delle passeggiate istruttive all'insegna dell'osservazione della natura, dei giochi o dei percorsi sportivi.

Alla scoperta dello stagno di loti

Lo stagno di Fontmerle, nascosto nel cuore di un enorme prato, è un polo di attrazione di sorprendente bellezza e ricchezza biologica. Nel corso delle vostre passeggiate nel parco, attraverserete la pineta dominata dal pino di Aleppo, la foresta di querce dove, nascoste fra i pini, vivono delle querce mediterarranee ed infine il querceto popolato da querce verdi, bianche e da sughero. Lo stagno di Fontmerle è circondato da 12 ettari di prato sul quale si stagliano dei salici, dei pioppi e dei cipressi calvi che, all'arrivo dell'autunno, vi sorprenderanno con i loro colori fiammanti. In una zona dello stagno scoprirete delle piante acquatiche e in estate vi farete conquistare dallo spettacolo dei loti in fiore. Tenetevi pronti ad avvistare degli uccelli dalle forme più varie e dai piumaggi cangianti. Nel bosco alcuni conigli selvatici, delle volpi e dei cinghiali sfuggono alla curiosità degli escursionisti.

Bas de page